Gabriella Giliberti

Gabriella Giliberti è una critica cinematografica televisiva, scrittrice e content creator.
Attraverso il suo profilo @GabrielleCroix su Twitch, TikTok ed Instagram condivide e divulga l’amore per la pop culture con la sua community e pubblico di appassionati.
Da sempre appassionata di mostri, attualmente è a lavoro su diversi progetti editoriali che riguardano la rappresentazione del mostruoso nella società.

Istruzione ed esperienza lavorativa

Dopo essere cresciuta a cinema horror, vampiri e operetta, si è laureata e formata a Roma, specializzandosi in storia del cinema, sceneggiatura e critica. Dal 2015 al 2022, è stata penna e volto del sito Lega Nerd, ricoprendo il ruolo di capo redattrice nella sezione Entertainment dal 2019 al 2022. Ad oggi collabora come freelance per diverse realtà editoriali, come Orgoglio Nerd, Screenworld, JustWatch e Robinson di Repubblica. 
Moderatrice e speaker presso le principali fiere del fumetto come Lucca Comics & Games e Napoli Comicon. È stata video giornalista per “Ciak Gulp”, programma andato in onda nel 2018 su Rai Gulp e host per Prime Video con un format cinematografico andato in live su Twitch nel 2022.
Ha partecipato all’antologia “Emozioni da giocare” (Poliani, 2021) e “Moondance – Tim Burton, un alieno ad Hollywood” (Bakemono Lab, 2023). Ad Ottobre 2023 ha pubblicato il suo primo libro, “Love Song for a Vampire – Etologia del Vampiro da F.W. Murnau a Taika Waititi” (Bakemono Lab, 2023).

Film e serie TV preferiti

Ama il cinema tutto ma il suo genere preferito è e sempre sarà il cinema horror con un particolare predilezione per lo slasher e l’horror scandinavo. Tra i film preferiti ci sono Nosferatu di Murnau, Halloween di Carpenter ed Ed Wood di Burton. Appassionata (maniacalmente) di vampiri, What We Do In The Shadows è ormai la sua religione, sebbene possa recitare a memoria le sette stagioni di Buffy.

Gabriella Giliberti has written 36 articles on JustWatch. This includes adding news and relevant information to movie & TV show pages.

  • <h1>Da Mad Max: Fury Road a Le Streghe di Eastwick: i 10 migliori film di George Miller</h1>

    Da Mad Max: Fury Road a Le Streghe di Eastwick: i 10 migliori film di George Miller

    George Miller è uno dei registi più influenti e iconici dell'industria cinematografica, noto soprattutto per la sua straordinaria abilità nel creare film d'azione epici e visionari, come l’amatissimo Mad Max. Non a caso, dopo l’anteprima mondiale al Festival di Cannes, il 23 Maggio è arrivato al cinema Furiosa: A Mad Max Saga, la pellicola origin story tutta incentrata sul personaggio di Furiosa di Charlize Theron, conosciuto per la prima volta in Mad Max: Fury Road (2015), e che questa volta avrà il volto di Anya Taylor-Joy. Ma quali sono i migliori film di questo autore straordinario? In questa guida vi suggeriamo quelli che, per noi, sono i 10 migliori film di George Miller e dove vederli in streaming.

    Come anticipato, uno dei lavori più noti di Miller è la serie Mad Max che ha ridefinito il genere post-apocalittico. Il film originale, Mad Max del 1979, conosciuto anche come Interceptor, ha stabilito il tono per gli altri film della serie, presentando un mondo distopico devastato dalla violenza e dal caos. Un vero e proprio piccolo miracolo per essere praticamente un’opera prima con un budget “inesistente”. Il protagonista, interpretato da Mel Gibson, è un ex poliziotto che vaga per le strade desolate alla ricerca di giustizia. Il successo del film ha portato a diversi seguiti, tra cui Mad Max 2 - Il guerriero della strada (1981), probabilmente uno dei migliori sequel mai fatti nella storia del cinema, e Mad Max: Fury Road (2015), quest'ultimo unanimemente considerato uno dei capolavori del genere d'azione moderno. Fury Road ha, infatti, ricevuto numerosi premi e candidature agli Oscar, tra cui il premio per il Miglior Montaggio, Scenografia e Sonoro, dimostrando la continua rilevanza e influenza della visione di Miller nel panorama cinematografico contemporaneo.

    Altra perla assolutamente da recuperare (o rivedere) è Le Streghe di Eastwick, film del 1987 basato sull'omonimo romanzo di John Updike. Ambientato nella piccola cittadina di Eastwick, il film segue tre donne, interpretate da Cher, Michelle Pfeiffer e Susan Sarandon, che sono stanche della loro vita monotona e desiderano un uomo che possa soddisfare i loro desideri più profondi. La loro situazione cambia quando un misterioso e affascinante uomo di nome Daryl Van Horne, interpretato da Jack Nicholson, si trasferisce in città. Il film esplora temi di potere, desiderio e liberazione sessuale attraverso un'estetica gotica e surreale. Miller riesce a creare un'atmosfera incantata e inquietante, accentuata dalle performance vibranti del cast principale, grazie anche ad una perfetta mescolanza tra horror e commedia. Ma, in realtà, Miller non ha solo diretto pellicole dallo stampo maturo e per un pubblico sicuramente più navigato. Per chi è meno avvezzo alla conoscenza di chi ci sia dietro un’opera, sorprenderà sapere che George Miller, lo stesso regista di Mad Max, è anche la mano dietro ad un film molto amato dalle famiglie, Happy Feet (2006) che, addirittura, ha fatto guadagnare un Oscar al regista per il Miglior Film d’Animazione. Ambientato nel mondo dei pinguini, il film segue le avventure di un giovane pinguino di nome Mumble che è diverso dagli altri perché non sa cantare come tutti gli altri. Happy Feet è un'opera da non sottovalutare, visivamente sorprendente, affronta temi importanti come l'identità e l'accettazione, dimostrando ancora una volta la capacità di Miller di creare storie coinvolgenti e significative che parlano a un pubblico di tutte le età.

    La carriera di George Miller è stata caratterizzata da una costante ricerca di innovazione e originalità. I suoi film sono riconosciuti per la loro intensità visiva, la narrazione avvincente e i personaggi memorabili. Con una carriera che spazia attraverso diversi generi e stili, Miller ha dimostrato di essere uno dei registi più versatili e influenti del suo tempo. La sua eredità nel mondo del cinema è destinata a durare nel tempo, ispirando le future generazioni di registi e appassionati di cinema. E noi non vediamo l’ora di vedere Furiosa! Vi lasciamo la nostra guida completa con i 10 migliori film di George Miller e dove vederli in streaming:

    Leggi di più
  • <h1>Da strega a Furiosa: i 10 migliori film e serie TV di Anya Taylor-Joy</h1>

    Da strega a Furiosa: i 10 migliori film e serie TV di Anya Taylor-Joy

    Anya Taylor-Joy è una delle attrici emergenti più promettenti degli ultimi anni nel panorama cinematografico e televisivo internazionale. Dalla bellezza “aliena”, versatile e incredibilmente espressiva, ogni sua interpretazione è diversa da quella precedente ma altrettanto potente. Fin da giovanissima ha dimostrato un talento straordinario e una versatilità che le ha permesso di interpretare una vasta gamma di personaggi, dal drammatico all'horror, dal thriller alla commedia. In questo 2024 l’abbiamo vista di sfuggita in Dune - Parte Due, per godercela adesso in sala con Furiosa: A Mad Max Saga, dove veste i panni della possente Furiosa, iconico personaggio dell’universo di George Miller comparso per la prima volta nel film Mad Max: Fury Road. Ruolo che, sicuramente, regalerà grandi soddisfazione ad Anya Taylor-Joy per la sua importanza ma anche a noi spettatori che avremo modo di vederla, ancora una volta, in una veste completamente nuova. Scopriamo insieme quelli che sono i 10 migliori film e serie tv di Anya Taylor-Joy e dove vederli in streaming.

    Sicuramente uno dei ruoli più significativi che l'ha portata alla ribalta è quello di Thomasin nell’horror folk The Witch del 2015, esordio alla regia di Robert Eggers. In questo film, interpreta una giovane ragazza del New England del XVII secolo che diventa sospettata di stregoneria dalla sua comunità puritana. La sua performance è stata acclamata dalla critica e ha dimostrato fin da subito la sua capacità di affrontare ruoli complessi e intensi. Assieme ad Eggers tornerà a collaborare nel 2022 anche con l’epico The Northman dove ci regala un’altra grandissima perfomance di pura potenza femminile, affiancando il protagonista Alexander Skarsgård. E per poco, davvero pochissimo, non l’abbiamo vista nuovamente al fianco di Eggers nei panni di Ellen Hutter nell’attesissimo Nosferatu, in uscita per la fine dell’anno. Purtroppo l’iniziale slittamento della produzione della pellicola ha costretto l’attrice a rinunciare al ruolo, venendo sostituita da Lily Rose Depp.

    Successivamente, Anya Taylor-Joy ha ottenuto ulteriori riconoscimenti per il suo ruolo da protagonista nel thriller psicologico Split del 2016, diretto da M. Night Shyamalan. Nel film, interpreta Casey Cooke, una ragazza adolescente rapita da un uomo con una personalità multipla. Ed anche in questo caso, parliamo di un’interpretazione elogiata per la sua profondità emotiva e la sua capacità di comunicare la vulnerabilità e la forza del suo personaggio.

    Il successo di Anya Taylor-Joy non deve essere imputato unicamente sul grande schermo, perché anche lato serialità ci sono almeno due ruoli che sono stati particolarmente significativi per l’attrice. Cominciamo con Il Miniaturista nel 2017 della BBC, miniserie basata sul romanzo omonimo di Jessie Burton. Qui la Taylor-Joy interpreta il ruolo di Petronella "Nella" Brandt, una giovanissima donna sposata con un uomo molto più grande di lei a causa dei debiti del padre. Qui Nella si ritrova ad affrontare una serie di misteri e intrighi nella Amsterdam del XVII secolo partendo da quella che apparentemente sembrava un’innocua casa di bambole.

    Il ruolo, però, che sicuramente più di altri ha consolidato la sua reputazione come una delle migliori attrici della sua generazione, lanciandola ancora di più, è quello di Beth Harmon nella serie televisiva La Regina degli Scacchi del 2020, basata sul romanzo di Walter Tevis. In questa serie, Anya Taylor-Joy interpreta una giovane prodigio degli scacchi degli anni '60, affrontando non solo le sfide sul tabellone degli scacchi, ma anche quelle della vita reale, tra problemi di dipendenza e relazioni complesse. La sua performance è stata universalmente acclamata e le ha valso numerosi premi e nomination, inclusi un Golden Globe e un Emmy Award.

    Negli ultimi anni l’abbiamo vista giocare molto con i generi, dal supereroistico con sfumature horror come The New Mutants o il thriller psicologico The Menu, passando per il film in costume Emma. dove veste i panni Emma Woodhouse l’eroina dell’omonimo romanzo di Jane Austen.

    Di seguito potete consultare la guida completa sui 10 migliori film e serie TV di Anya Taylor-Joy e dove vederli in streaming:

    Leggi di più
  • <h1>One Piece: l’ordine in cui guardare i film e dove trovarli in streaming</h1>

    One Piece: l’ordine in cui guardare i film e dove trovarli in streaming

    Senza girarci troppo intorno, il franchise di One Piece, creato da Eiichirō Oda, è una delle pietre miliari del panorama nipponico con più influenza sul mondo occidentale, pari al successo di opere come Naruto e Dragon Ball. Dal suo debutto nel 1997 sulla rivista Weekly Shōnen Jump, One Piece ha conquistato milioni di fan in tutto il mondo con le avventure del protagonista Monkey D. Rufy e della sua ciurma alla ricerca del leggendario tesoro, il One Piece. Questo successo si è tradotto non solo in una serie manga di enorme popolarità, ma anche in una vasta gamma di adattamenti anime e, più recentemente, in una serie live action per Netflix. Vorreste avere un quadro completo di tutto questo? Seguite allora la nostra guida su come guardare il franchise di One Piece in streaming.

    Partiamo prima di tutto dall’anime prodotto da Toei Animation, andato in onda per la prima volta nel 1999 e che ha rapidamente guadagnato una vasta popolarità. Ad oggi, l'anime conta più di 1000 episodi, confermandosi come uno dei più longevi di sempre. La serie è nota per la sua fedeltà al manga, sebbene con l'inclusione di alcuni episodi filler e archi narrativi originali che non sono presenti nel materiale di partenza.

    Uno degli aspetti più apprezzati dell'anime è la qualità delle animazioni, che è migliorata significativamente nel corso degli anni. Dai primi episodi, caratterizzati da un'animazione più semplice, si è passati a tecniche sempre più avanzate, culminando in archi narrativi come quello di Wano Kuni, che presenta un'animazione di altissimo livello. Inoltre, la serie è celebre per la sua colonna sonora, composta da Kohei Tanaka e Shiro Hamaguchi, che ha contribuito a creare un'atmosfera unica e riconoscibile.

    L'anime di One Piece non si limita a replicare le vicende del manga, ma arricchisce l'esperienza visiva con battaglie spettacolari, espressioni facciali esagerate e momenti emotivi che risuonano profondamente con il pubblico. Inoltre, la serie ha introdotto numerosi film animati, che spesso esplorano storie originali o approfondiscono eventi del manga. Alcuni dei film più noti includono sicuramente One Piece: Avventura sulle isole volanti (One Piece: Strong World) e One Piece Film: Z, nonché il più recente One Piece Film: Red diretto da Gorō Taniguchi, tutti e tre apprezzati sia dai fan che dalla critica.

    Nel 2023, Netflix ha rilasciato la tanto attesa serie live action di One Piece, un progetto ambizioso che ha cercato di portare l'universo di Eiichirō Oda nel mondo reale. La serie, prodotta in collaborazione con Tomorrow Studios, ha avuto un compito arduo: trasporre l'energia e la fantasia dell'anime in un formato live action. Nonostante le sfide intrinseche, tra cui sicuramente la scelta di un cast internazionale e non prettamente asiatico, la serie Netflix è riuscita a convincere il pubblico, anche quello più esigente, venendo confermata fin da subito per una seconda stagione. In modo particolare Iñaki Godoy è stato elogiato per la sua interpretazione di Monkey D. Rufy, riuscendo a catturare fin da subito lo spirito avventuroso e ottimista del personaggio. Gli attori che interpretano gli altri membri della ciurma, tra cui Mackenyu come Roronoa Zoro e Emily Rudd come Nami, hanno anch'essi ricevuto apprezzamenti per le loro interpretazioni fedeli ai personaggi originali.

    Per avere una panoramica più precisa, vi lasciamo la nostra guida su come guardare il franchise di One Piece in streaming.

    Leggi di più
  • <h1>Cattivissimo Me: l’ordine in cui guardare i film e dove trovarli in streaming</h1>

    Cattivissimo Me: l’ordine in cui guardare i film e dove trovarli in streaming

    Cattivissimo me (Despicable Me in inglese) è una delle serie animate più popolari e redditizie degli ultimi anni, prodotta dalla Illumination Entertainment e distribuita dalla Universal Pictures. Ad essere molto precisi, parliamo del franchise animato più redditizio della storia del cinema con oltre 4,6 miliardi di dollari di incassi al 2022. Ed è anche uno di quei franchise capaci di entrare nel cuore, oltre a divertire, un po’ tutte le età. Del resto, come si fa a resistere ai “cattivissimi” minions? Il quarto film di questo franchise, il quale vanta anche due spin-off, arriverà nelle sale ad Agosto. Nell’attesa, però, potreste trovare utile questa guida su come guardare tutti i film di Cattivissimo me in streaming.

    Partiamo dal principio, il primo film di Cattivissimo me uscito nel 2010, diretto da Pierre Coffin e Chris Renaud, ha dato il via a una saga che comprende sequel, spin-off, cortometraggi e una vasta gamma di prodotti di merchandising; ma non solo. Il primo film lancia anche la stessa Illumination Entertainment di Chris Meledandri, casa di produzione specializzata in film d'animazione realizzati in CGI per conto della Universal Pictures della quale è sussidiaria.

    La trama del film ruota attorno a Gru, un supercattivo che vive in un quartiere suburbano, il cui sogno è diventare il criminale più famoso del mondo. Per raggiungere il suo obiettivo, Gru adotta tre orfane – Margo, Edith e Agnes – con l'intento di usarle nel suo piano malvagio. Tuttavia, con il passare del tempo, le bambine sciolgono il cuore di Gru, trasformandolo da malvagio a premuroso padre adottivo. La voce di Gru nella versione originale è di Steve Carell, che ha contribuito a caratterizzare il personaggio con un mix di ironia e tenerezza.

    Uno degli elementi distintivi del franchise sono i Minions, le piccole e buffe creature gialle che lavorano per Gru. Questi personaggi sono diventati iconici grazie al loro linguaggio incomprensibile ma espressivo e al loro comportamento comico e stravagante. La popolarità dei Minions è stata tale che nel 2015 è stato prodotto uno spin-off interamente dedicato a loro, intitolato appunto Minions. Questo film esplora le origini dei Minions e il loro incontro con Gru.

    Il successo del primo film ha portato alla produzione di due sequel diretti: Cattivissimo me 2 (2013) e Cattivissimo me 3 (2017). Nel secondo film, Gru, ormai ex-cattivo, viene reclutato dalla Lega Anti-Cattivi per fermare un nuovo supercattivo, El Macho. Nel terzo capitolo, Gru scopre di avere un fratello gemello, Dru, altrettanto eccentrico e desideroso di seguirne le orme criminali. Entrambi i sequel hanno riscosso un grande successo al botteghino e sono stati accolti positivamente dalla critica.

    Oltre ai film principali e allo spin-off sui Minions, il franchise ha generato una serie di cortometraggi. Qui una lista completa:

    Cattivissimo Me presenta: Minion Madness

    • Home Makeover (2010)
    • Orientation Day (2010)
    • Banana (2010)

    Cattivissimo Me 2 Presenta: 3 Mini-Movie Collection

    • Puppy (2013)
    • Panic in the Mailroom (2013)
    • Training Wheels (2013)

    Minions: 3 Mini-Movie Collection

    • Binky Nelson Unpacified (2015)
    • Competition (2015)
    • Cro Minion (2015)

    Minions & More Volume 1

    • The Secret Life of Kyle (2017)
    • Minion Scouts (2019)
    • Santa's Little Helpers (2019)

    Minions & More Volume 2

    • Mower Minions (2016)
    • Yellow is the New Black (2018)
    • Minions & Monsters (2021)
    • Post Modern Minion (2022)
    • Mooned (2023)

    Inoltre, nel 2022 è uscito un secondo spin-off, Minions 2 - Come Gru diventa cattivissimo che continua a raccontare le avventure dei piccoli aiutanti gialli e del giovane Gru. Inoltre, sono stati annunciati ulteriori progetti futuri, a testimonianza della continua popolarità del franchise, tra cui l’atteso Cattivissimo me 4 per quest’estate.

    Il successo di Cattivissimo me può essere attribuito a diversi fattori: la qualità dell'animazione, le storie coinvolgenti, i personaggi memorabili e un umorismo adatto a tutte le età. La capacità di bilanciare momenti comici con temi emotivi e relazioni familiari ha reso questi film amati da un vasto pubblico. E se adesso ritenete che sia il caso di iniziare un bel rewatch o, per la prima volta, assistere alle “malefatte” di Gru e dei suoi giallissimi assistenti, allora ecco come guardare tutti i film di Cattivissimo me in streaming:

    Leggi di più
  • <h1>Pokémon: come guardare tutto il franchise in streaming</h1>

    Pokémon: come guardare tutto il franchise in streaming

    Il franchise dei Pokémon, creato da Satoshi Tajiri e Ken Sugimori, è nato nel 1996 con il lancio dei videogiochi Pokémon Rosso e Pokémon Verde per il Game Boy. Ben presto, la popolarità dei giochi ha portato alla nascita di una vasta gamma di media, tra cui la celebre serie TV e numerosi film animati. Ad oggi Pokémon resta un punto di riferimento per generazioni e generazioni, proprio grazie alla produzione seriale e cinematografica quanto quella videoludica, basandosi su un fandom che sembra davvero essere immortale. Ma se volessimo recuperare i film e le serie TV legate a questo brand, da cosa dovremmo partire? Questa è la guida giusta da seguire in cui vi diciamo dove guardare tutto il franchise di Pokémon in streaming.

    La serie TV Pokémon ha debuttato in Giappone il 1 aprile 1997 e ha rapidamente guadagnato un seguito internazionale. La trama segue le avventure di Ash Ketchum (Satoshi nella versione giapponese), un giovane allenatore di Pokémon, e il suo inseparabile Pikachu. Insieme, viaggiano attraverso varie regioni del mondo Pokémon, affrontando sfide, catturando nuovi Pokémon e partecipando a competizioni come le Leghe Pokémon. La serie TV è nota per la sua formula episodica, con ogni puntata che introduce nuovi personaggi e Pokémon, mantenendo un bilanciamento tra l'azione e i valori di amicizia e perseveranza. La serie TV è composta da 25 stagioni, divise in 8 archi narrativi: 

    1. Pokémon: Serie Originale 

    2. Pokémon: Serie Advanced

    3. Pokémon: Serie Diamante e Perla

    4. Pokémon: Serie Nero e Bianco

    5. Pokémon: Serie XY

    • XY (Stagione 17)
    • XY Kalos Quest (Stagione 18)
    • XYZ (Stagione 19): Le avventure di Ash nella regione di Kalos.

    6. Pokémon: Serie Sole e Luna

    7. Pokémon: Serie Esplorazioni

       - Journeys (Stagione 23)

       - Master Journeys (Stagione 24)

       - Ultimate Journeys (Stagione 25): Ash viaggia in tutto il mondo Pokémon.

    8. Pokémon: Serie Esplorazioni Super

       - Pokémon Horizons: The Series (Stagione 26): Nuovi protagonisti e nuove avventure.

    Oltre alla serie principale, il franchise ha prodotto numerosi film animati, a partire da Pokémon il Film: Mewtwo contro Mew del 1998. Questo film ha introdotto il pubblico a Mewtwo, un potente Pokémon leggendario, esplorando temi più maturi come la clonazione e l'identità. I film dei Pokémon spesso presentano trame più elaborate rispetto agli episodi televisivi, includendo spesso battaglie epiche e la scoperta di nuovi Pokémon leggendari. Alcuni dei film più noti includono Pokémon il Film: Lucario e il Mistero di Mew (2005) e Pokémon il Film: Hoopa e lo Scontro Epocale (2015). A tutto questo non si può non aggiungere il film live action Detective Pikachu del 2019 diretto da Rob Letterman e con protagonista Ryan Reynolds e Justice Smith. Recentemente, inoltre, su Netflix ha debuttato la miniserie per bambini La Concierge Pokémon.

    Detto questo non ci resta che lasciarvi alla nostra guida su come guardare il franchise Pokémon in streaming e augurarvi una buona visione!

    Leggi di più